Il nostro matrimonio: ritratti e ricevimento | matrimonio Baronesse Tacco

Verso il finale di una giornata indimenticabile

Dopo aver vissuto la parte dei preparativi in modo surreale ed una cerimonia che ci ha fatto battere forte il cuore, era il momento di raggiungere nuovamente la location per dare il via alla festa!

Il cielo era ormai sgombro da nuvole ed il clima era una vera meraviglia. Mi sembra ancora incredibile aver avuto un meteo così favorevole in quel giorno, visto il settembre molto ballerino che ci eravamo appena lasciati alle spalle, eppure la fortuna ci ha davvero baciato e siamo immensamente grati per questo.

Stavamo percorrendo la stessa strada fatta appena qualche ora prima separatamente e con la testa piena di fantasie e pensieri, ma ora eravamo insieme ed eravamo marito e moglie. Un sorriso stampato sul viso ci aveva accompagnato da quella mattina ed ora era più presente che mai!

Fensye, il Golden della famiglia di Andrea, era felicissima di essere lì con noi e tutto quello spazio in cui scorrazzare le piaceva un sacco!

Abbiamo temporeggiato un pò fuori dalla location affinchè tutti gli ospiti avessero il tempo di accomodarsi nella zona che era stata dedicata al buffet, iniziando a godersi quel panorama meraviglioso.

E poi arrivò il momento di riunirci a tutti i nostri invitati e chiacchierare in totale libertà con ognuno di essi! Vederli davanti a noi, coi calici alzati, per brindare a quella giornata così importante per noi, vedere i loro sorrisi, sentire le parole d’affetto… era pura gioia.

Il catering ha conquistato tutti. Vi racconto una cosa che mi fa sempre sorridere quando ci penso: nei mesi immediatamente successivi al matrimonio, quando ci incontravamo con gli invitati per raccontare del nostro viaggio di nozze e sapere come si fossero trovati il giorno del matrimonio, la prima cosa di cui si parlava era… il catering (ah non quanto belli erano gli sposi? :P). La varietà, la qualità e la quantità del cibo, accompagnati da quella vista erano in cima alla lista di ciò che è rimasto impresso nella mente. E ne siamo felicissimi perchè avevamo scelto proprio quella location e quel catering per far vivere ai nostri invitati un’esperienza piacevole, rilassante e che restasse nei loro cuori. Poi ovviamente ci parlavano di quanto eravamo belli, ma sappiamo che stavano, in realtà, ancora riferendosi al buffet 😛

Essere lì, nello stesso posto dove avevamo documentato la storia d’amore di molte coppie, e vivere quel giorno da sposi era splendido. Ammiravo il panorama, vedevo gli ospiti divertirsi e rilassarsi e guardavo Andrea più felice che mai… era tutto perfetto.

Il sole stava per tramontare ed era arrivato il momento di spostarsi a tavola per il pranzo/cena. 

Avevamo realizzato un tableux interattivo. Ogni persona presente nel foglietto (o coppia a seconda dei casi), si scattava una foto con la Instax e sostituiva il cartellino con il proprio nome con la foto appena scattata. Ora tutte quelle istantanee sono state appese ad uno specchio a casa nostra ed ogni volta che lo guardo, vedo quelle persone che hanno reso quella giornata ancora più indimenticabile!Lisa si è gentilmente offerta di scattare le foto a tutti… o è stata costretta da qualcuno?

Come segnatavoli e segnaposti, abbiamo voluto richiamare il legno che amiamo molto. Ogni invitato così ha potuto portarsi a casa un dischetto con il proprio nome inciso!Noi compresi, ovviamente! I vestitini fatti coi tovaglioli sono opera di mia mamma… non so come li abbia fatti e dove abbia trovato l’idea (sicuro il “togli tempo Pinterest”), ma quel che conta è che è stato un pensiero dolcissimo!

E poi eccoci, l’ingresso in sala per dare inizio al pranzo e alla vera e proprio festa. Avevamo deciso di abbinare questo momento con il primo ballo, in modo che poi tutti potessero sentirsi liberi di danzare se lo avessero voluto e poi perchè Andrea è una persona timida ed avremmo unito due momenti in cui era al centro dell’attenzione in un attimo solo (ma non diteglielo ;P)

Ed a sorpresa, senza che se lo aspettassero, abbiamo chiamato il ballo col papà della sposa e poi con la mamma dello sposo… occhi lucidi a non finire! Questo è stato un momento semplicemente intenso, emozionante, indimenticabile ed è un ricordo che porterò sempre nel cuore perchè la famiglia è qualcosa da non dare per scontato, bensì da ringraziare sempre. Da quel momento, sono iniziate le sorprese, la prima delle quali è stata una canzone dedicata a noi da Lisa e Andrea. Hanno incantato tutti e sono stati a dir poco strepitosi! Grazie ragazzi!  Questa è la tensostruttura nella quale abbiamo mangiato. Amiamo Baronesse Tacco e ci tenevamo moltissimo a stare all’aria aperta (sperando sempre in una giornata favorevole), e mangiare come se fossimo stati all’aperto, potendo assaporare e godere di quella vista per tutto il tempo. Però ottobre si sa, è imprevedibile. Potevamo avere una giornata quasi estiva come una invernale e per non rischiare, abbiamo adottato questa soluzione, e poi di sera sarebbe stato comunque molto difficile restare all’aperto senza avere freddo. L’atmosfera all’interno di questa struttura trasparente era magica… ancor meglio di come ce la eravamo immaginata!

Eravamo giunti al tramonto e la luce era perfetta per scattare i nostri ritratti. L’aria era tersa e la luce dorata… cosa potevamo chiedere di più? 

Ho letteralmente adorato ogni istante trascorso assieme a Fer, il nostro fotografo, durante questi scatti. La capacità di metterti a proprio agio e realizzare scatti indimenticabili era il nostro più grande desiderio.

Un sogno che si realizza… 

La serata è proseguita tra giochi, scherzi e dei discorsi memorabili. Abbiamo dei testimoni eccezionali, che oltre ad averci dedicato delle parole meravigliose, hanno architettato, assieme ad altri nostri amici, un video/parodia della nostra vita che ci fa venir le lacrime dal ridere ogni volta in cui lo guardiamo!

Che ci volete fare, ho un debole per il cibo! La mia tanto adorata omelette!

Non mi sembrava vero che fossimo arrivati già al taglio della torta. Gli invitati avevano creato un tunnel di stelline (o bengala) che ci avrebbe condotto alla torta (Mug, vi siete superati! Era libidinosa!). Lucine, candele… l’atmosfera era surreale e splendida!

Da lì in poi abbiamo ballato scatenandoci in pista ed assaporando quella giornata fino all’ultimo istante. Eravamo quasi volti al termine della giornata. Avevamo organizzato quel giorno da più di un anno ed ora era quasi finito tutto. Un pò di nostalgia c’è, è innegabile, però attraverso le foto e il video del nostro matrimonio possiamo riviverlo tutte le volte che lo vogliamo!

Questo è un altro di quei momenti indimenticabili della giornata, quando i nostri amici di Verona, Enrico ed Eleonora, dopo un weekend di matrimoni e più di tre ore di auto, ci hanno raggiunti per stare con noi, magari pochi minuti, ma per vederci in un giorno così felice. Sì sono pazzi, ma gli vogliamo bene proprio per questo!

Che emozione quando abbiamo visto per la prima volta il video del nostro matrimonio. Rivivere quella giornata in quattro minuti è stato come esser sommersi di nuovo da tutte quelle sensazioni meravigliose! Grazie a Giulia e Nico potremo immergerci in quel giorno tutte le volte che lo desidereremo e sarà come esser di nuovo lì, in quella chiesa, su quel prato al tramonto e in mezzo alla pista da ballo a ballare!

Ilaria e Andrea – Matrimonio a Baronesse Tacco di Juliet Creative Factory su Vimeo.

Questo è stato il nostro matrimonio e sono felice di averlo condiviso con voi e di avervi reso partecipi di questo giorno così significativo. È successo di tutto, le emozioni sono state tante e indescrivibili e ripensandoci ancora non mi rendo conto di quanto siamo stati fortunati, sia per la giornata calda e soleggiata, sia per tutto quell’affetto che amici e parenti ci hanno fatto sentire. Ve ne siamo grati! Grazie!

Vi auguro una splendida giornata,

Ilaria

Leave a comment