Matrimoni e fotografi: l’intervista doppia ad Ilaria ed Andrea

Di solito amiamo raccontarci attraverso i nostri scatti: oggi vogliamo farlo attraverso un’intervista doppia o meglio in tandem!

1)Vista la vostra esperienza di fotografo di matrimonio a Treviso qual è la local più suggestiva in cui vi è capitato di lavorare?

Ogni location è unica, come lo sono anche i matrimoni che abbiamo fotografato in provincia di Treviso. Crediamo che i matrimoni siano fatti dalle persone e di conseguenza, anche eventi svolti nella stessa location possono rivelarsi molto diversi tra loro. Un esempio è sicuramente la location di Casa Gobbato dove abbiamo avuto l’occasione di fotografare diversi matrimoni, sia in inverno con il clima natalizio, sia in estate, ammirando il tramonto da quella magnifica serra. 

2) E come fotografo di matrimonio a Udine invece? Qual è la location più incantevole della provincia friulana?

Il territorio attorno a Udine offre davvero un sacco di spunti, che vanno dal paesaggio collinare e coltivato a vigneti, a quello più montuoso. Ogni zona ha la sua location caratteristica e quelle che ci piacciono sono davvero moltissime come ad esempio Villa de Clarini, il Castello di Buttrio, di Susans o di Villalta, per non parlare dei meravigliosi agriturismi sparsi in tutto il territorio.

3) Svelate agli sposi un trucco per sentirsi più a loro agio di fronte all’obiettivo?

Il trucco è davvero molto semplice, se trucco lo vogliamo chiamare. Per sentirsi pienamente a proprio agio davanti all’obiettivo basterà fidarsi del proprio fotografo ed essere se stessi. Non c’è cosa più bella della spontaneità.

4) Diteci almeno tre buoni motivi per realizzare un set di foto prematrimoniali?

Il servizio fotografico prematrimoniale è favoloso sotto diversi punti di vista. Innanzitutto esso permette di staccare dalla routine quotidiana e dall’organizzazione del matrimonio, realizzando qualcosa di diverso dal solito. In più si possono ottenere delle foto spontanee e romantiche da fidanzati, per ricordare quello splendido periodo che precede il matrimonio. La troviamo un’occasione perfetta per collezionare dei meravigliosi ricordi. 

5) L’attrezzatura perfetta per un fotografo di matrimoni, di che elementi si compone?

Noi amiamo utilizzare attrezzatura professionale, ma non troppo vistosa che ci permetta di mimetizzarci tra gli invitati, potendo quindi cogliere attimi estremamente spontanei, perchè questo è il nostro obiettivo.

6) Qual è l’imprevisto più seccante che hai dovuto affrontare mentre fotografavi un matrimonio?

In questi quasi 10 anni di esperienza nel campo della fotografia di matrimonio, ci siamo abituati ad improvvisare e pensiamo che questa sia una peculiarità che ogni fotografo dovrebbe imparare ad avere. Per quanto si possa organizzare nei minimi dettagli quella giornata, ci sarà sempre qualcosa che non va esattamente come dovrebbe, anche se di poco. L’imprevisto più seccante forse è stato il cambio repentino di meteo che ha costretto tutti a spostarsi all’interno della struttura. Il piano B non era stato pensato e quindi ci sono stati dei momenti di stallo in attesa che i tavoli venissero riallestiti all’interno.

7) Qual è il momento del giorno del si che preferite fotografare? Preparativi, cerimonia, party finale

Il nostro momento preferito ad ogni matrimonio, che sia una cerimonia religiosa o civile o simbolica, resta il momento in cui la sposa percorre la navata per raggiungere il suo futuro marito. Questo è un momento imprevedibile ed estremamente emozionante, ricco di significato.

8) Preferite fotografare matrimoni intimi e tranquilli o affollati e movimentati?

Noi preferiamo fotografare matrimoni in cui le persone sentano particolarmente il legame speciale che nascerà tra la coppia dopo il loro “Sì”, siano essi matrimoni intimi o affollati.

9) Come vi comportate quando un parente degli sposi dotato di smartphone cerca di rubarti la scena come fotografo ufficiale?

Ci capita davvero molte volte e capiamo perfettamente che i parenti o gli amici desiderino avere delle foto da poter condividere immediatamente. Per noi l’importante è che gli invitati non ci passino davanti o ostacolino il nostro lavoro.

10) Se aveste avuto la possibilità di fotografare un matrimonio VIP (in qualsiasi epoca) quale sarebbe stato?

Domanda interessante… riflettendoci, crediamo che il matrimonio di Audrey Hepburn e Mel Ferrer sarebbe stato pazzesco da fotografare.

Leave a comment